Discorso del Parroco al Vescovo per la chiusura della Visita Pastorale - 23/06/2015

 

DonLucaGrande e mirabile è Dio dal suo santuario; il Dio d’Israele dà forza e potenza al suo popolo. Sia benedetto Dio. In questo giorno di festa, XIII anniversario della dedicazione di questa Chiesa, vogliamo elevare a Dio il nostro inno di ringraziamento perché è Lui che ci da la gioia di costruirgli fra le nostre case una dimora dove continua a colmare di favori noi, sua famiglia pellegrina sulla terra; è Lui che in questo luogo santo ci edifica come tempio vivo e raduna e fa crescere come corpo del Signore. Un quartiere giovane come è Carlentini Nord ha un grande bisogno del punto di riferimento che è rappresentato dalla Chiesa dove quotidianamente la comunità parrocchiale si ritrova per vivere la propria fede e attingere la forza per la testimonianza che ha da dare al mondo.

C’è ancora un altro motivo per lodare e ringraziare il Signore: le quattro comunità parrocchiali di Carlentini si ritrovano oggi in questa Chiesa alla fine del tempo della Visita Pastorale. Carissimo padre Vescovo, lo scorso 25 aprile, quando nella nostra Chiesa madre le davamo il benvenuto e le offrivamo il nostro entusiasmo per quello che il Signore avrebbe operato nei due mesi successivi, custodivamo tante attese. Oggi possiamo dirle che non soltanto quelle attese non sono andate deluse, ma il Signore, come è solito fare, ha donato alle nostre comunità la sua grazia in maniera straordinaria. Una grazia che adesso tocca a noi non far cadere invano.

E siccome il Signore si è servito della sua persona, carissimo padre Vescovo, oggi vogliamo sinceramente ringraziarla. Per la gioia dell’incontro che ci ha permesso di sperimentare. Un incontro che si è realizzato innanzitutto nella celebrazione eucaristica domenicale, poi nella visita ai malati, ancora nelle riunioni coi vari gruppi che lei ha presieduto. Momenti significativi della visita sono state anche le visite alle istituzioni e alle scuole. Tutti hanno potuto vedere l’amore che lei nutre per il Signore e che si rende manifesto nel servizio che senza condizioni e limiti rende a questa nostra Chiesa di Siracusa. Insieme ai confratelli parroci presenti a questa celebrazione, ai quali rivolgo il mio saluto con tutto l’affetto che caratterizza le nostre relazioni, a nome delle comunità parrocchiali che abbiamo la responsabilità e la gioia di presiedere, le auguriamo di poter continuare a donarsi alla Chiesa con entusiasmo sempre rinnovato; il Signore le conceda salute e forza, le doni di vedere realizzato ogni suo desiderio di bene, per la sua persona e per la nostra Chiesa. Noi continuiamo a promettergli la nostra preghiera, e siamo certi che il Vescovo non manca di pregare ogni giorno per ciascuna delle comunità parrocchiali di questa Diocesi.

Alle nostre comunità adesso spetta di fare tesoro di quanto il Signore ha donato nel tempo della Visita pastorale. Non sono mancate provocazioni e gli stimoli per lavorare e fare sempre meglio, per correggere gli errori fin qui commessi, per continuare a fare il bene lì dove siamo riusciti a individuare strade e modi giusti. Un impegno però ci riguarda tutti e insieme: mi riferisco a quel dovere di fraternità che è la più importante testimonianza che siamo chiamati a dare al mondo. Dobbiamo continuare a crescere in quello stile di comunione che ci permetterà di essere sempre più credibili e sempre più capaci di affrontare quelle sfide che appartengono inevitabilmente alla comunità cristiana “in uscita”.

Con questi sentimenti di gratitudine, mentre chiediamo il dono della comunione, ci affidiamo all’intercessione della Madonna, Stella che guida il nostro cammino, di S. Lucia patrona della nostra città di Carlentini, di sant’Anna e di santa Tecla. A lode e gloria della Trinità Santissima che è Padre, Figlio e Spirito Santo. amen

 

Botton Attivita red Botton Francesco OFF Botton vatican.va Diocesi SR Botton Album Foto

 

 

Visualizza-tutto-il-calendario

Panoramica-Interno

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. View e-Privacy Directive Documents